THE SOUND OF RESISTANCE

Fanno parte di un’orchestra ma non possono suonare in patria. Sono i giovani musicisti della Palestine Youth Orchestra. “Possiamo incontrarci tutti insieme solo di rado”, – spiega Zeina Khoury, 22 anni – “ma questo è il nostro modo di fare resistenza. Un modo pacifico, che aiuta il mondo a vedere la Palestina con occhi diversi”. Nello Stato di Israele, dove ufficialmente non c’è guerra ma nel concreto non c’è neanche pace, per i 75 membri dell’ensemble, suonare significa portare avanti un messaggio, “quello di resistere, nonostante tutto”.