VIAGGIO NEL MERCATO DI PIAZZA VITTORIO

Fino a dieci anni fa si trovava al centro di Piazza Vittorio circondato dai portici ottocenteschi attorno ai quali si snoda il quartiere. Ora occupa gli spazi lasciati liberi dalla ex caserma Pepe, confina e sconfina negli spazi universitari della facoltà di Studi Orientali della Sapienza. E’ il mercato rionale dell’Esquilino.

Una volta simbolo e cuore pulsante della Roma verace dipinta da Vittorio De Sica in “Ladri di biciclette“, oggi luogo di colorata esperienza gastronomica e sociologica. E’ il cuore della Roma multietnica. Fuori, a due passi dalla Stazione Termini, nelle vie che portano i nomi dei grandi italiani come Bixio, Manzoni e Crispi, è un pullulare di insegne in lingue incomprensibili ai nativi, in cui gli shawarma (cibo tipico del Medioriente) si alternano ad internet point, negozi cinesi, botteghe di spezie e qualche boutique indiana. Dentro al mercato, banchi che alternano ortaggi e verdura nostrani con quelli provenienti da Paesi lontani.

Livia Parisi per Mixa – http://www.mixamag.it

Advertisements