CASA NOSTRA (trailer)

Un gruppo di senza casa decide di occupare una scuola abbandonata per costruire appartamenti. Inizia così Casa Nostra (60′, 2014), il il documentario sulle due occupazioni abitative “Acacie” e “Hertz”. Girato nel corso di due anni racconta un esempio di autocostruzione dal basso: una soluzione possibile all’emergenza abitativa che caratterizza i grandi centri urbani. Ora, però, è già diventato anche un ‘documento storico’, forse persino una ‘prova di reato’, perché le due occupazioni, il 24 aprile 2014 sono state sgomberate a causa di un’inchiesta penale. Quaranta gli indagati. Associazione a delinquere finalizzata ad occupazione di immobili ed estorsione, l’accusa più pesante. Il documentario si ferma qui, ma noi abbiamo continuato a seguirne le vicende. Il rinvio a giudizio richiesto dal magistrato che segue le indagini verrà discusso davanti al Gup il prossimo 4 novembre.

TUTTI PAZZI PER IL TEATRO (trailer)

Metti sul palco una sessantina tra infermieri, assistenti sociali, medici e artisti, aggiungi una quarantina di pazienti con storie di psicosi, ritardi mentali, disturbi di personalità, depressione. Affiancali a due orchestre per rappresentare il riadattamento di un’opera che ha fatto la storia della musica napoletana: lo cunto della Gatta Cenerentola di Roberto De Simone. Quello che viene fuori è uno spettacolo di energia pura che viene portato in scena a Massa Carrara, nel corso di un fine settimana che nessuno dei protagonisti dimenticherà (trailer).

AL KHALIL, THE GHOST TOWN

Per gli arabi Hebron si chiama Al Khalil, per Israele, Hebron. Ma il nome che più le si addice è Gost Town, la città fantasma. Qui vivono 170.000 palestinesi e 500 coloni, o “settlers” ed è l’unica località, in tutta la West Bank, dove gli insediamenti israeliani sono proprio all’interno del centro storico. Checkpoint e telecamere sono sparsi ovunque. Sulla via principale, la Suhada street, ai palestinesi è vietato il passaggio. E’ qui che il movimento Youth Against Settlements, porta avanti la sua resistenza nonviolenta, che utilizza telecamere al posto dei fucili.

THE SOUND OF RESISTANCE

Fanno parte di un’orchestra ma non possono suonare in patria. Sono i giovani musicisti della Palestine Youth Orchestra. “Possiamo incontrarci tutti insieme solo di rado”, – spiega Zeina Khoury, 22 anni – “ma questo è il nostro modo di fare resistenza. Un modo pacifico, che aiuta il mondo a vedere la Palestina con occhi diversi”. Nello Stato di Israele, dove ufficialmente non c’è guerra ma nel concreto non c’è neanche pace, per i 75 membri dell’ensemble, suonare significa portare avanti un messaggio, “quello di resistere, nonostante tutto”.

IMPRESE A SCUOLA DI AMBIENTE

Produrre rispettando l’ambiente si puo’, con alcune innovazioni tecniche e un’adeguata preparazione del personale. E’ l’esperienza realizzata da alcune aziende delle Marche, della chimica e del calzaturiero. Un progetto di formazione finanziato da Fondimpresa ha consentito di ridurre notevolmente l’impatto ambientale e gli scarichi nel fiume Chienti.

PORTA PORTESE, MERCATO SENZA REGOLE

E’ il mercato delle pulci più grande d’Europa, affollato la domenica da oltre 1350 venditori ambulanti, 730 di questi abusivi. “Il Comune solo con i permessi potrebbe recuperare oltre un milione di euro l’anno” dichiarano gli operatori ai nostri microfoni, che aggiungono: “Siamo evasori, ma sembra che nessuno se ne preoccupi”.

I RIGATTIERI DI PRIMAVALLE

C’è chi minaccia di darsi fuoco, chi sventola un cappio, chi si arrampica sulla recinzione del XIX municipio: sono i rigattieri di Primavalle, che lottano per avere uno spazio in cui vendere le loro cose, rigorosamente second hand. Sono disoccupati, pensionati, ex detenuti, ex tossicodipendenti. E chiedono di poter riaprire il mercatino dell’usato in cui esponevano le loro merci.